Carlo Pagliani si laurea all’Università Luigi Bocconi nel 1985,

con una tesi sul ruolo delle Merchant Bank ed Accepting House sui mercati finanziari (voto di Laurea 107/110).

Nello stesso anno viene assunto a Londra da Hambros Bank,

nella divisione che si occupa di emissioni obbligazionarie per conto di clienti italiani.

Nel 1987 passa a Paribas Capital Markets,

filiale londinese della rinomata banca francese.

Nel 1992 si trasferisce a Milano presso Banque Paribas, come Vice-Direttore Generale.

 

Nel 1998 viene assunto da Morgan Stanley nel team di Investment Banking,

con il titolo di Executive Director.

Nel 2000 viene nominato Managing Director di Morgan Stanley,

la carica più alta all’interno della banca americana, con responsabilità di gestire la copertura dei maggiori clienti privati italiani. Negli anni successivi, si occupa di alcune delle principali operazioni di fusioni e acquisizioni, nonché di collocamenti azionari e IPO.

Quelle che seguono sono alcune delle operazioni originate e gestite da Carlo Pagliani per conto di Morgan Stanley negli ultimi anni:

Assistenza alla Famiglia Marcucci per l’entrata del Fondo Strategico Italiano nel capitale di Kedrion
Assistenza al Gruppo Atlantia per l’acquisizione/ JV con il Gruppo Bertin in Brasile- Assistenza a Carlyle, Remo Ruffini e Progressio per IPO e poi per cessione del 45% di Moncler a Eurazeo
Assistenza a Sogefi per l’acquisto della Società Mark IV
Assistenza a MS Infrastructure Fund per l’acquisto della quota di co-controllo in Save, Aeroporto di Venezia
Assistenza ad Atlantia per la proposta di fusione con Abertis
Conversione delle Azioni di Risparmio di TIM in Azioni Ordinarie
Doppia offerta di vendita di Azioni Autostrade da parte di Edizione Holding
Assistenza a Telecom Italia Media per la cessione delle proprie attività Internet
Fusione di Pirelli & C con Pirelli SpA
Assistenza al Consorzio AEM per l’acquisto di Eurogen
Ristrutturazione del Gruppo Olimpia
Collocamento di azioni Fastweb da parte di AEM
Strutturazione e collocamento del Convertibile e.Biscom
Fusione tra Seat Pagine Gialle e Tin.it
Cessione di Immobiliare Metanopoli da parte del Gruppo ENI
Assistenza a Finmeccanica per l’acquisto di CSEE e MacAlenia

Nel luglio 2012, dopo 12 anni in Morgan Stanley in veste di Managing Director, passa a Senior Advisor della Banca,

in modo da poter allargare il proprio campo d’azione su nuove iniziative.

Nel Marzo 2013 Carlo Pagliani costituisce, insieme ad altri 5 soci, Space Holding, di cui diviene consigliere.

La società si occupa inizialmente di promuovere una nuova SPAC (Special Purpose Acquisition Company) sul mercato italiano.

Nel dicembre 2013 viene quotata Space S.p.A.,

la prima SPAC di diritto italiano quotata su un mercato regolamentato con una dotazione di € 130 milioni raccolti da più di 50 investitori italiani ed internazionali.

Carlo Pagliani entra nel Consiglio di Amministrazione di Space S.p.A.

e insieme agli altri partner di Space Holding inizia la ricerca di una società target.

Nel marzo 2014 entra nel Consiglio di Amministrazione di Four Partners S.p.A.,

una SIM di consulenza finanziaria e di patrimoni familiari.

Nel dicembre 2014 entra nel Consiglio di Amministrazione della Fondazione Umberto Veronesi di cui era già nel Comitato strategico.

 

Nel gennaio 2015 viene annunciata la fusione tra Space e F.I.L.A.,

Fabbrica Italiana Lapis e Affini, tra i leader mondiali della produzione e commercializzazione di prodotti per la creatività dei bambini.

Nel giugno 2015 Space incorpora F.I.L.A.

e Space Holding diviene il terzo azionista della società risultante dalla fusione.

Nel luglio 2015 viene quotata Space2,

la seconda SPAC promossa da Space Holding con una dotazione di €300 milioni, la maggiore SPAC mai lanciata sul mercato italiano.

Nell‘agosto 2015 Carlo Pagliani entra nel CdA di Space2

e sempre con i partner di Space Holding, inizia la ricerca di una nuova target per Space2.